Home Sport

La Freestation con il vento in poppa!

25 gennaio 2012 – L’ultimo turno del campionato di basket di serie C maschile ha messo di fronte due tra le squadre più in forma del momento e cioè la Freestation Arese, che con la vittoria nello scontro diretto con Nerviano della settimana precedente aveva riagganciato la vetta della classifica, e Cislago, squadra che veniva da una striscia di cinque successi consecutivi. L’hanno spuntata gli aresini che, dopo qualche difficoltà iniziale, hanno disputato un ottimo secondo tempo dove hanno realizzato 40 punti, con la partita che si è chiusa sul 57-68. La vittoria aresina è arrivata con una Freestation quasi in versione 2011 visto che Matalone, che soffriva per una piccola contrattura, non è entrato in campo e che Ponchiroli, pur giocando, non era al meglio per una botta alla schiena rimediata la settimana prima contro Nerviano. Quattro i giocatori della Freestation in doppia cifra: il top scorer Ezio De Piccoli (nella foto [email protected]) con 20 punti, Andrea Razzaboni (per lui 6/8 da 2) con 15, Dario Borroni con 14 e Daniele Amadio con 13. In chiave classifica, la concomitante sconfitta di Cassano Magnago a Cornaredo, che sarà proprio il prossimo avversario della Freestation, ha lasciato due sole squadre in vetta e cioè Arese e Nerviano.

La partita si apre con la Freestation che deve fronteggiare la zona 3-2 di Cislago, difesa che verrà mantenuta praticamente per tutti i 40 minuti di gioco. Arese non la attacca bene e al termine del primo quarto si trova sotto di 5 punti sul 18-13. Nel secondo quarto il vantaggio di Cislago arriva anche a 7 punti ma la Freestation inizia a capire come affrontare la 3-2 avversaria e si riavvicina fino a un solo punto di distacco. Il finale del quarto è però di Cislago che chiude in vantaggio per 32-28. La ripresa si apre con una Freestation più in palla e che, soprattutto, sembra avere trovato la chiave giusta per scardinare la difesa di Cislago. In questo senso è fondamentale il lavoro in regia di Eleni che riesce a far girare la palla aprendo spazi al tiro, dove si inseriscono bene De Piccoli, Razzaboni, Borroni e Amadio. In questo modo, a metà del terzo quarto, arriva il primo vantaggio della NBA che mette la testa avanti per 36-37. Il distacco aumenta progressivamente e a fine quarto raggiunge gli 8 punti (42-50). Per tutta la prima metà dell’ultima frazione la Freestation amministra bene la partita, con il divario tra le due squadre che è sempre intorno alla doppia cifra. Cislago, però, inizia a rientrare in partita e a 5’ dalla fine è a -5. La svolta della partita si ha a 1’20” dal termine, quando con le due squadre sempre divise da 5 punti, la Freestation sbaglia in attacco ma, con un’ottima difesa, recupera palla sull’azione successiva di Cislago e va a segnare da 3 con Borroni (autore di due triple negli ultimi 4’). La partita finisce virtualmente qui e alla sirena il punteggio finale è di 57-68.

Molto soddisfatto del secondo tempo dei suoi coach Gargantini che dice: “Non lo so se abbiamo finalmente esorcizzato la difesa a zona. Credo sia anche una questione mentale e poi, questa sera, ad attaccarla non siamo certo stati aiutati dalle piccole dimensioni del campo, dove era difficile trovare spazio dall’angolo. Quello che è certo è che, dopo i 28 del primo tempo, nella ripresa abbiamo messo a segno 40 punti, riuscendo a fare girare bene la palla e creando quei tiri aperti che le difese a zona necessariamente concedono. Sabato sera ospiteremo un’altra squadra in grande forma e cioè quella Cornaredo che ha appena sconfitto Cassano”. Il general manager Saini esalta il gioco di squadra espresso dalla Freestation, ma mette in guardia i suoi dalle insidie della prossima partita con Cornaredo, che si disputerà sabato 28 alle ore 18,00 al Centro Sportivo Davide Ancilotto: “La squadra è stata veramente brava a non farsi prendere dal nervosismo quando nel primo tempo non riusciva ad attaccare la zona di Cislago. Nel secondo tempo i giocatori, grazie anche a coach Gargantini, sono rientrati in campo con le idee più chiare in merito a cosa dovevano fare e la partita ha subito la svolta decisiva. Quello che mi soddisfa particolarmente è che, anche questa volta, è stata una vittoria di squadra, con tutti i giocatori che, magari in momenti diversi della partita, hanno dato il loro contributo fondamentale. Adesso ci attende Cornaredo che ha battuto Cassano. Si tratta di una buona squadra, con due ottimi elementi, Pulina e Zanelli, che conosco bene per averli allenati in passato e che ricordo con grande affetto. Per noi sarà fondamentale scendere sul parquet con la giusta determinazione e umiltà perché se è vero che tecnicamente siamo più forti è anche vero che Cornaredo è una squadra quadrata, abituata alla categoria, e in grado di metterci in difficoltà qualora la affrontassimo con presunzione”.

Risultato finale: 57-68 (18-13, 14-15, 10-22 e 15-18 i parziali dei quarti)
Freestation NBA: Marco Maffezzoli 2, Dario Borroni 14, Andrea Razzaboni 15, Daniele Amadio 13, Gualtiero Sabatini, Mauro Matalone, Federico Eleni, Federico Ponchiroli, Federico De Lucia 4, Ezio De Piccoli 20