Home Sport

La NBA stende Nerviano e torna prima

17 gennaio 2012 – Tre quarti di dominio assoluto e un ultimo periodo dove la Freestation NBA ha rischiato di dilapidare il patrimonio di punti di vantaggio costruito in una mezzora di gioco impeccabile. Questo, in breve, è il riassunto del match clou con Nerviano, con Arese che, avanti di 13 alla fine del terzo quarto, permetteva agli ospiti di rientrare in partita nell’ultimo periodo quando questi passavano a difendere a zona. A differenza di altre volte, però, gli aresini hanno attaccato bene la difesa avversaria, facendo circolare la palla in maniera efficace e trovando tiri comodi. A penalizzarli è stata la serata di scarsa vena al tiro da fuori, come ben illustra il 3 su 20 da 3 punti finale. La Freestation NBA ha comunque dato la sensazione di avere trovato, anche grazie ai nuovi innesti, la quadratura del cerchio, dominando per larghi tratti la partita. Quattro gli aresini in doppia cifra: Borroni con 11 punti, Matalone con 15 (per lui 4/4 ai liberi, 4/9 da 2 e 1/1 da 3), Ponchiroli (3/4 ai liberi e 5/5 da 2) e De Piccoli (5/7 ai liberi e 7/13 da 2 e 14 rimbalzi). Con questa vittoria Arese ha riagganciato la vetta della classifica, dove si trova in compagnia di Nerviano e Cassano Magnago. Gradito ospite del presidente Giorgio Venturelli è stato Claudio Sabatini, patron della Virtus Bologna e padre di Gualtiero che milita nelle fila di Arese che, a Cantù per la partita giocata poco prima dalla sua squadra, ha raggiunto il palazzetto di Arese in tempo per vedere l’ultimo quarto di partita.

Nel primo quarto il solito inizio della Freestation NBA che dopo 1’30” è sotto per 0-6. Gli aresini questa volta non ci mettono però molto a entrare in partita e spinti da un ottimo Matalone che segna i primi due punti biancorossi e offre poi un fantastico assist a De Piccoli, iniziano a prendere le misure a Nerviano. Il primo vantaggio della NBA arriva sul 12-10 a 4’30” dal termine del quarto, grazie alla tripla di Borroni, una delle poche segnate da Arese. La Freestation domina nel pitturato, prendendo importanti rimbalzi sia difensivi che offensivi. Il vantaggio cresce progressivamente e il quarto si chiude sul 20-14. Nel secondo quarto la Freestation parte forte e grazie ai canestri di Razzaboni, Borroni e Ponchiroli mette a segno un parziale di 7-0 nei primi due minuti del quarto. Nella seconda metà del parziale Arese inizia a commettere qualche errore di troppo ma ci pensa un ottimo De Piccoli a tenere in piedi la squadra che mantiene sempre un distacco nell’ordine dei 10 punti. Il primo tempo si conclude sul parziale di 44-32.

Anche nel terzo quarto Arese non si deconcentra e dopo 3’ il vantaggio è sempre di 12 punti (53-41). Due triple di fila riportano però sotto Nerviano che a 3’45” dalla fine del quarto avvicina la Freestation sul 55-49. De Piccoli, però, segna e subisce fallo e, grazie al libero aggiuntivo, il vantaggio torna a 9 punti. L’azione risveglia Arese che ricomincia a difendere con intensità, tanto che a fine quarto i punti di vantaggio sono saliti a 13 (64-51). Nell’ultimo periodo Nerviano, che non può contrastare lo strapotere fisico aresino in area, decide di passare stabilmente a una difesa a zona 2-3. Arese la attacca bene e crea buoni tiri, ma la serata è di scarsa vena e questo permette a Nerviano di riavvicinarsi pericolosamente. A 5’30” dalla fine gli ospiti sono a -3. Arese, però, anche se non è premiata dalle percentuali al tiro, continua a difendere forte e contiene Nerviano. A 2’ dalla fine della partita gli ospiti si trovano comunque a -1 e con palla in mano. E la stessa situazione di ripresenta a 1’ dalla fine. Qui torna a salire in cattedra la difesa aresina che chiude tutti i varchi e provoca un passi dell’attacco avversario. Recuperato il pallone e allungato a +3 la strada si fa in discesa e Arese difende la preziosa vittoria con il tabellone che alla sirena dice 81-76.

Ecco il commento di coach Giuseppe Gargantini: “Per tre quarti del tempo abbiamo giocato la partita perfetta poi, quando Nerviano è passata stabilmente a zona, abbiamo subito la loro rimonta. Una zona che abbiamo comunque attaccato bene solo che questa sera abbiamo tirato con percentuali dalla lunga distanza per noi inusuali. L’importante comunque era vincere e lo abbiamo fatto. Ora il campionato ricomincia da capo, anche se Cassano ha il vantaggio di avere vinto in trasferta entrambi gli scontri diretti con noi e Nerviano. Al di la di questo sono molto fiducioso perché oggi la Nba è una squadra molto diversa da quella di inizio stagione e con Matalone e Ponchiroli ha acquistato una profondità che non ha nessuno. L’inserimento dei due giocatori procede bene ma, considerato il poco tempo che sono con noi, credo che avremo ancora significativi margini di crescita. Il prossimo fine settimana ci attende la trasferta con Cislago, che probabilmente è l’avversario più difficile da affrontare in questo momento, visto gode di un ottimo stato di forma e viene da cinque vittorie consecutive. Credo comunque che, se ci esprimeremo sui livelli di questa sera, avremmo buone possibilità di tornare con i due punti”.

Non si discosta di molto da quella di Gargantini anche l’analisi del general manager aresino Silvio Saini: “Una grande vittoria e una grande partita di entrambe le squadre. Credo che il basket giocato questa sera dalle due squadre valesse più che una serie C2. Il nostro obiettivo era quello di iniziare il girone di ritorno con la squadra al completo e azzerando il ritardo in classifica, e lo abbiamo centrato in pieno. Credo di poter dire che uomo contro uomo non temiamo nessuno. Abbiamo faticato contro la loro zona 2-3 classica ma, a differenza di altre volte, non perché faticavamo ad affrontarla. Questa volta abbiamo sempre fatto girare bene la palla, creando buone opportunità di tiro e la loro rimonta si giustifica con il fatto che siamo stati un po’ imprecisi dalla lunga, mettendo a segno un 3/20 da 3, con i tre tiri entrati che sono stati, peraltro, realizzati quando Nerviano era ancora schierata a uomo”.

TABELLINO
Risultato finale: 81-76 (20-14, 22-18, 20-19 e 17-25 i parziali dei quarti)
Freestation NBA: Marco Maffezzoli 2, Dario Borroni 11, Andrea Razzaboni 2, Daniele Amadio 9, Gualtiero Sabatini, Mauro Matalone 15, Federico Eleni 2, Federico Ponchiroli 13, Federico De Lucia 8, Ezio De Piccoli 19