Home Sport

Prova di forza della NBA a Marnate

20 marzo 2012 – Quella di Marnate era una trasferta molto temuta dallo staff aresino, perché la squadra di casa nell’ultimo mese aveva battuto Vigevano e perso ma dopo essere stata a lungo in vantaggio sia con Nerviano che con Cassano Magnago. Oltre a questo, la Freestation NBA si presentava alla partita con alcuni giocatori in precarie condizioni fisiche. Oltre a Ponchiroli, con i cronici problemi ai tendini, e Razzaboni, che ormai da un mese sta giocando con una caviglia in disordine, si era infatti anche infortunato Borroni, che nell’allenamento del venerdì aveva avuto un problema al ginocchio. Viste le premesse era lecito attendersi una partita sofferta; la Freestation NBA è però riuscita, con una grande prestazione di squadra, ad andare oltre ai problemi, infliggendo una pesante sconfitta per 58-81 alla squadra di casa. Detto che è stata tutta la squadra a girare bene, sia in attacco che in difesa, vanno però sottolineate le prestazioni di Eleni in regia (9 assist e 8 rimbalzi) e la strepitosa serata di Amadio (nella foto), autore di 32 punti (massimo stagionale) con numeri stratosferici non solo al tiro. Per lui a fine partita, oltre al 2/2 ai liberi, 9/13 da 2 e 4/5 da 3, ci saranno anche 8 rimbalzi, 7 palle recuperate e 3 assist.

Ottima è stata anche la prestazione di Ponchiroli che, pur se non fotografata da numeri eclatanti, è stata di grande sostanza. L’ala aresina è stata infatti protagonista, con una grande difesa coronata da 2 stoppate, del break che nel secondo quarto ha deciso la partita. La partita è vissuta su un primo quarto che si è sviluppato con le due squadre sempre molto vicine nel punteggio e terminato sul 14-12 per Marnate. Nel secondo quarto, però, Arese ha messo in mostra tutto il suo potenziale, rifilando a Marnate il parziale di 9-32 che di fatto ha chiuso la partita. La squadra di casa è stata anche sfortunata, perché ha perso quasi subito Monti per infortunio, l’unico giocatore che sarebbe probabilmente stato in grado di arginare lo strapotere dei lunghi aresini, Nel terzo quarto la Freestation NBA ha piazzato subito un altro break di 2-15 che ha portato gli aresini, al 25’, al vantaggio massimo di 34 punti sul 25-59. La partita è a tutti gli effetti finita qui. La Freestation NBA tornerà in campo sabato 24 marzo alle ore 18,00 al palazzetto di viale Resegone, dove ospiterà Cerro Maggiore, unica squadra, con Cassano Magnago, capace di batterla in questo campionato. Cerro è in un buon momento di forma e viene da tre vittorie consecutive che la hanno riportata al settimo posto in classifica.

“Temevo questa trasferta – dice coach Gargantini – perché Marnate è una delle squadre più in forma del momento. La mia squadra ha però giocato una grande partita, imponendosi con autorevolezza e con la forza del collettivo. Marnate è stata sicuramente penalizzata dall’infortunio di Monti ma credo che oggi sarebbe stato impossibile batterci per chiunque. Adesso aspettiamo Cerro Maggiore, altra squadra che sta vivendo un buon momento e che all’andata ci ha sconfitti. Io me lo ricordo bene e spero che se lo ricordini altrettanto bene anche i miei giocatori. Abbiamo una sola opzione: vincere”. Anche il general manager Silvio Saini sottolinea la prestazione di squadra della Freestation NBA: “Abbiamo disputato la partita quasi perfetta e siamo stati impeccabili sia in attacco che in difesa. E’ stata una vittoria di tutta la squadra, che ha saputo andare oltre i piccoli problemi fisici che comunque stanno condizionando alcuni giocatori come Razzaboni che, con la sua caviglia, non si può allenare per più di un’ora. Di certo l’infortunio di Monti ha condizionato Marnate ma oggi la Freestation è stata impeccabile, concedendo qualcosa agli avversari solo nel primo quarto”.

TABELLINI
Risultato finale: Marnate – Freestation NBA 58-81 (14-12, 9-32, 16-22 e 19-15 i parziali dei quarti)
Freestation NBA: Marco Maffezzoli 4, Dario Borroni, Andrea Razzaboni 13, Daniele Amadio 32, Gualtiero Sabatini 3, Mauro Matalone 11, Federico Eleni 3, Federico Ponchiroli, Federico De Lucia 8, Ezio De Piccoli 7