Home Sport

Rhythmic’s Team tra agonostica e spettacoli

23 febbraio 2016 – Inizio 2016 molto intenso per il Rhythmic’s Team, che si è diviso tra eventi, gare e spettacoli. Dal 25 al 29 gennaio scorsi l’associazione ha istituito la “Family week”, un’esperienza molto intensa, legata allo sviluppo della conoscenza della ginnastica ritmica, finalizzata a coinvolgere le famiglie delle atlete iscritte, verso questo sport che trova, nelle nuove generazioni, sempre più consenso. Archiviata questa settimana dedicata alle famiglie, il calendario ha subito presentato alla società la gara del Csi (Campionato Provinciale Individuale), ponendo il primo obiettivo della stagione competitiva, nonché il debutto in questo circuito, del Rhythmic’s Team, che ha avuto luogo sabato 7 febbraio, al palazzetto dello sport di via Varalli a Bollate.

Il Rhythmic’s Team non si è fatta trovare impreparato e ha presentato le sue quattro giovani atlete, Valentina Battaglia (corpo libero), Giulia Faustinoni (corpo libero), Alessia Pogliani (palla) e Sala Ludovica (palla), in pedana, raggiungendo degli ottimi risultati in classifica, fino ad arrivare al primo posto della giovane Alessia Pogliani. Inutile sottolineare il numeroso pubblico e il caloroso tifo del resto della squadra sugli spalti. Terminata queste prime attività competitive, la società è stata protagonista di un’altra idea, tra l’8 e l’11 febbraio, quando si è tenuta “Ginnastica in maschera”, un altro appuntamento che ha unito il carnevale con gli esercizi di ginnastica ritmica, cercando di fondere e vivere il momento di sport, insieme alle usanze meneghine del mettersi in maschera. Il 20 febbraio poi, presso la parrocchia di San Giovanni a Rho, il Rhythmic’s Team, si è prestati a una esibizione benefica, mettendo in scena lo spettacolo “Frozen”, adattato alla ginnastica ritmica, già oggetto nel Natale 2014 di un saggio, che ha ottenuto moltissimo successo.

“L’esuberanza, il lavoro, la passione di tutta la squadra -commentano dalla società – regalano sempre grandissimi spunti di intrattenimento, che vanno oltre il semplice sport da praticare, ma cercano di abbracciare tutto quanto può essere utile all’insegnamento dei veri valori sportivi, che si basano sul rispetto, il lavoro, la sana competizione. Rhythmic’s Team è ormai più che una realtà, e presto ci regalerà ancora di più, sorprendendoci ancora”.

Articolo di Massimo Mazzarella

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese