Home In evidenza

Si riparte: dal 24 agosto il GSO Don Bosco riprenderà le attività

24 luglio 2020 – Il 24 agosto il GSO Don Bosco riprenderà le attività, che all’inizio si svolgeranno tutte in oratorio, suddividendosi gli spazi per rispettare le norme di sicurezza.

Si inizia, ma ci si dovrà attenere al protocollo e alla normativa preparata dall’avvocatura dell’Arcidiocesi di Milano. Per entrare sarà previsto il triage, la consegna di moduli sulla privacy e sulle condizioni di salute, che solleveranno il GSO da eventuali problematiche, e non sarà possibile utilizzare gli spogliatoi. Da tenere presente, poi, che per entrare in oratorio verrà fornito un badge da ritirare in segreteria e che potranno allenarsi soltanto gli atleti già iscritti, con visita medica non scaduta e pagamento quota associativa eseguito. Inoltre non sarà permesso l’ingresso agli accompagnatori non tesserati dal GSO. 

“È inutile nascondervi che non è stata una scelta facile. Ci siamo sempre posti l’obiettivo di tenere le quote associative basse per permettere a tutti di fare sport. Se avessimo dovuto guardare solo il nostro bilancio sarebbe stato molto più semplice dire ‘Non possiamo fare nulla’ … invece eccoci qui ad ammirare la bellezza della nostra associazione e con coraggio abbiamo preso la decisione di applicare uno sconto di 20 euro sulla quota associativa dei nostri iscritti stagione 2019/2020 legato alla problematica Covid e al periodo di inattività (febbraio – maggio 2020)”, scrive il Consiglio Direttivo.

Le quote associative non subiranno variazioni rispetto allo scorso anno: si va da un massimo di 280 euro per i nuovi iscritti minorenni e 240 euro per gli ex iscritti GSO con meno di 18 anni, passando per 190 euro come quota unica per i maggiorenni, finendo con 60 euro come quota per gli atleti che fanno podismo.

Il 15 agosto si apriranno le iscrizioni per gli atleti tesserati durante la stagione 2019-2020, mentre dal 7 settembre partiranno tutte le altre (in base alla disponibilità).

© riproduzione riservata – Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese