Home Sport

Tennistavolo: Gso vince con Franco Rame

04 maggio 2015 – Lo scorso sabato 25 aprile si è svolto a Barbaiana un torneo regionale di tennistavolo Fitet particolarmente significativa, perché vedeva gli atleti suddivisi in fasce di età e non, come generalmente accade, in categorie di merito. Questo ha offerto a numerosi atleti la possibilità di incontrare anche avversari di gran lunga più titolati, che in definitiva apparterrebbero a categorie superiori. Nello specifico la rappresentativa Gso si è distinta nella categoria veterani, ovvero gli over 60, nella quale si è imposto il suo atleta Emanuele Rame (nella foto), che in finale ha sconfitto Giuseppe Rovelli. Emanuele del resto non è nuovo a traguardi prestigiosi, in passato ottenuti anche a livello nazionale.

Oltre al torneo di Barbaiana la sezione tennistavolo del Gso continua a essere più che attiva sia a livello giovanile che a livello federale, con le sue squadre che militano in serie C e D regionale. Nell’ultima giornata di campionato i riflettori erano tutti puntati sulla squadra di serie C2, che era chiamata a una prova senza appello. Prova che si è conclusa con una vittoria per 5-2, che ha permesso a Doria, Frugis, Silavani e Cardinale di ottenere la certezza matematica della permanenza nella categoria. La seconda squadra di C2, ormai già retrocessa, non ha invece opposto grande resistenza all’avversario perdendo 5-2. Stessa sorte è toccata alla rappresentativa schierata in serie D1, che appagata dalla salvezza già raggiunta, ha perso per 5-2 a Saronno.

Le cose sono andate invece bene in serie C1, dove Paoletti e Palumbo hanno fatto un’altro passo avanti nella loro maturazione e, grazie anche alla solidità di Saturno, hanno vinto il loro incontro per 5-4. La serie D2 sfiora invece il colpaccio, andando vicina aa una vittoria che avrebbe sicuramente meritato sia per l’impegno che per il morale. Molto bene Campanella che ha messo in fila i suoi avversari battendoli tutti, bene anche Faycal, ma tutto ciò non è bastato ad evitare la sconfitta per 5-4.

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese