Home Cronaca

Dal 22 ottobre parte il ventiquattresimo anno accademico di UNI TER

10 ottobre 2020 – Dopo la pausa estiva e nonostante le restrizioni tuttora vigenti a causa dell’emergenza sanitaria, UNI TER non rinuncia a riaprire i battenti come ogni anno a ottobre con i corsi, le conferenze e tutte le attività che sarà possibile effettuare, nel rispetto delle norme e soprattutto della sicurezza delle persone. Il numero dei posti disponibili in presenza per tutti i corsi sono stati obbligatoriamente ridotti, ma le lezioni e le conferenze si possono comunque seguire anche in videoconferenza. Per maggiori informazioni sulle attività si può consultare il sito UNI TER – Arese

L’apertura dell’anno accademico avverrà ufficialmente giovedì 15 ottobre con il messaggio di benvenuto da parte delle autorità comunali e del presidente dell’UNI TER Alessandro Bossi, che con i suoi collaboratori presenterà il programma dei corsi, delle conferenze, i nuovi docenti e tutte le iniziative dell’Associazione per il nuovo anno. Questo incontro iniziale e tutte le conferenze di questo anno accademico si terranno sempre alle ore 15 presso la Casa delle Associazioni (viale dei Platani, 6), sede di UNI TER. 

La prima conferenza si terrà il 22 ottobre. Nell’incontro Cento anni fa nasceva l’Albertone nazionale, che avrà come relatore Michele Amato, si farà un excursus della vita e della lunga carriera di Alberto Sordi, con una carrellata sui momenti più significativi della sua vasta filmografia.

Giovedì 29 ottobre Diana Piccioli Ferriani parlerà di Irlanda: storia, cultura e tradizioni, ricordando gli eventi e i personaggi più significativi di 1.500 anni di storia dell’isola di smeraldo, dai Celti alla divisione in due nazioni, lungo il filo rosso della “Irishness“, elemento forte di tutti gli irlandesi nel mondo. Foto, musica e danze irlandesi faranno da sfondo a tutta la presentazione.

La cura dei parchi cittadini continua regolarmente. Le attività dei Senior Rangers (una trentina di volontari) sono infatti già riprese. Da quest’anno, oltre al Parco della Roggia (viale dei Platani) e al Parco Giovanni Paolo II (viale Einaudi), UNI TER ha adottato anche il parco che si estende da Via Allende a Largo Ungaretti. Le ricognizioni, oltre a coadiuvare il personale addetto alle operazioni di pulizia e raccolta rifiuti, hanno lo scopo di eseguire piccole manutenzioni, trasmettere agli uffici comunali segnalazioni sullo stato dei parchi e suggerimenti che migliorino la fruibilità da parte della cittadinanza. I coordinatori dei team hanno infatti incontri periodici con l’assessore e gli uffici comunali preposti per valutare la situazione e le proposte.

Per quanto riguarda i viaggi, per il momento UNI TER ha ritenuto opportuno non pianificare alcun tipo di uscita collettiva, auspicandosi di riuscire a farlo al più presto.

© riproduzione riservata – Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese