Home Cronaca

Dopo lettera sindaci le Poste si impegnano ad allungare gli orari di apertura degli uffici

08 febbraio 2021 – Numerosi aresini, e in diversi ce lo avevano anche fatto notare, avevano trovato contraddittorio l’orario applicato dalle Poste dopo lo scoppio della pandemia, che in molti uffici postali, quello di Arese incluso, avevano ridotto l’orario di apertura al pubblico rispetto al consueto, con gli uffici che chiudevano alle 13,35 in luogo delle 19,25. L’osservazione più ricorrente fatta dagli utenti, era che in questa maniera, riducendo l’orario di accesso agli uffici, le possibilità di creare code e assembramenti, pur gestiti dal personale, fossero decisamente più probabili, visto che lo stesso numero di persone era compresso in un orario ridotto di circa sei ore rispetto al pre-pandemia. In seguito a quelle che la stessa amministrazione comunale definisce come “criticità rilevate nella rete degli uffici postali”, nello scorso mese di dicembre sono intervenuti i sindaci dei Comuni del Rhodense, aresina Michela Palestra inclusa, che hanno inviato una lettera a Poste italiane chiedendo di rivedere l’organizzazione del servizio.

Successivamente a questo intervento coordinato, Poste italiane ha fatto sapere che, preso atto delle oggettive difficoltà del periodo rilevate anche attraverso specifici momenti di confronto con le amministrazioni locali, sta procedendo con ulteriori riaperture e potenziamenti delle giornate e orari di apertura al pubblico di alcuni uffici postali che, a causa dell’emergenza in atto, avevano subito una contrazione della consueta operatività per ridurre la diffusione del contagio e garantire la sicurezza di operatori e cittadini. In particolare, l’ufficio aresino di via Matteotti vedrà a breve incrementare gradualmente la propria operatività anche nella fascia pomeridiana, andando incontro alle esigenze dei cittadini.

Una disponibilità che l’amministrazione aresina ha accolto con soddisfazione: “Purtroppo – commenta il sindaco, Michela Palestra – la minore fascia oraria di apertura degli sportelli, seppur dettata dall’attuale situazione, stava provocando una concentrazione dell’utenza nelle ridotte fasce orarie, cosa che creava interminabili code e disagi, soprattutto alle persone più anziane, oltre a possibili assembramenti. Accogliamo quindi con sollievo questa riapertura, perché consentirà di gestire i servizi in modo più efficace e con maggiore soddisfazione dell’utenza aresina”.

© riproduzione riservata – Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese