Home Cronaca

La Bottega del Riciclo e della solidarietà

02 novembre 2011 – Quella della Bottega del Riciclo di Arese è una bella storia di solidarietà e di impegno civile, come dimostrano i risultati relativi alle attività dei primi sette mesi del 2011 dove sono stati raccolti ben 45 mila euro interamente destinati a una serie di iniziative benefiche. La Bottega del Riciclo è nata poco più due anni fa da un’idea di Gesem, con il duplice scopo di favorire il recupero di mobili e oggetti ancora in buone condizioni e di devolvere il ricavato della loro vendita ad attività benefiche. Gesem si è da subito presa in carico i costi di affitto del capannone che ospita la Bottega, affidandone la gestione operativa a una trentina di volontari che prestano gratuitamente la loro opera all’interno dell’associazione Operazione Mato Grosso di Arese. L’attività è decollata immediatamente, potendo contare sul senso di solidarietà dei cittadini aresini che si sono resi disponibili a regalare oggetti alla Bottega e i numeri generati nella prima parte di quest’anno sono impressionanti: il ricavo generato dalle attività della Bottega è stato di 45 mila euro per un totale di materiale recuperato pari a  492,54 quintale. A titolo di curiosità queste quintali sono risultate suddivise nella seguente maniera: 216,55 quintali di mobili; 64,83 quintali di HiFi; 32,01 quintali di giochi; 78,42 quintali di libri e fumetti; 22,61 quintali di borse e valigie e 78,12 quintali di casalinghi ed elettrodomestici.

Come si diceva, tolte le spese assicurazione, energia elettrica e riscaldamento, l’intero ricavato è stato devoluto a interventi di carattere umanitario in Sudamerica che sono stati così ripartiti: alla casa dell’ammalato “Terezinha Corti Brusadelli” di Goiana in Brasile sono andati 11.000 euro utilizzati per il completamento dell’arredamento delle camere e per le prime necessità dei parenti degli ammalati ricoverati; a sostegno del progetto “Corso tecnico di ceramica artistica”, che si svolge a General Carneiro in Brasile, sono andati 3.500 euro destinati a un gruppo di ragazze della cooperativa artigiana della missione; al Centro Tecnico Juvenil di Jarudore in Brasile sono stati destinati 3.500 euro che serviranno per l’acquisto della ferramenta necessaria ad approntare le cassette che ogni anno vengono regalate a fine corso ai ragazzi che ottengono il diploma, per metterli nelle condizioni di intraprendere la loro attività; alla missione di Naboreiro in Brasile sono stati inviati 10.000 euro da destinarsi all’acquisto e alla posa in opera del pavimento, al completamento dei lavori al tetto a all’acquisto di porte e banchi della chiesa; alla missione di Huaypan in Però sono andati 10.000 euro che serviranno a dare sostegno alle famiglie degli oratoriani; alla missione di Huallin in Perù, infine, sono stati destinati 10.000 euro finalizzati al mantenimento della scuola per maestre campesine.

E’, ovviamente, soddisfatto del successo dell’iniziativa il direttore generale di Gesem Bartolomeo Zoccoli che dice: “E’ con un certo orgoglio che presentiamo questi dati relativi della Bottega del Riclico, il cui ricavato ha permesso di realizzare importanti opere umanitarie in Sudamerica. Il contributo di Gesem è piccolo, ci limitiamo a farci carico dei costi di affitto del capannone, e il ringraziamento più grosso va dunque a tutti i volontari che hanno prestato liberamente la loro opera alla Bottega e ai cittadini di Arese, che con il loro senso civico e di solidarietà hanno contribuito al suo successo”. Con settembre e con la ripresa delle attività di raccolta della Bottega del Riclico è già stato definito il nuovo progetto che verrà sostenuto con i proventi dell’attività. La scelta è ricaduta sulla costruzione di una scuola materna a Campo Alegre in Brasile da realizzarsi entro il mese di agosto del 2012. I costi di realizzazione della struttura sono stati stimati pari a 35.000 euro, un traguardo che sembrerebbe essere alla portata della Bottega. Chi fosse interessato a lasciare oggetti o ad acquistare qualcosa, può visitare la Bottega del Riciclo in via Monte Grappa 40/40 nelle giornate di mercoledì dalle ore 15,00 alle ore 18,30 e di sabato dalle ore 9,00 alle ore 11,30 e dalle ore 15,00 alle ore 18,30.