Home Cronaca

La curva dei positivi finalmente è in discesa, ma aumentano ricoverati e decessi

28 novembre 2020 – Finalmente il numero dei nuovi positivi è contenuto e continua a essere notevole quello dei guariti. Secondo i dati riportati ieri dal portale ATS e resi noti dal comune di Arese, risulta che i casi totali sono 869 (34 in più rispetto al 23 novembre). Ricapitolando la situazione è questa: si registrano 34 nuove persone positive e i ricoverati sono 18 (due in più rispetto al 23 novembre). Di conseguenza le persone poste in quarantena – numero che comprende sia i casi accertati (totale 243) sia chi è stato a contatto con casi accertati (totale 432) e quindi sottoposto preventivamente a “isolamento precauzionale”, sono 675. Il numero dei guariti passa a 572 (+159), ma si segnalano ulteriori decesso (totale 54).

La situazione sembra in miglioramento, considerato il numero di guariti e la riduzione delle persone in sorveglianza rispetto all’ultimo aggiornamento. Registriamo, però, due decessi. Alle famiglie dei nostri concittadini che sono venuti a mancare, esprimiamo le nostre condoglianze”, commenta il sindaco Michela Palestra. Rispettiamo le regole: uso della mascherina e di gel disinfettante, distanziamento fisico e divieto di assembramento”.

I dati in percentuale

Parlando di percentuali fino a oggi il 4,41% della popolazione è risultato contagiato, attualmente risulta positivo l’1,23% degli aresini, mentre tra casi accertati e persone in sorveglianza il 3,43% dei cittadini è direttamente coinvolto. I guariti sono attualmente il 65,82% di tutti i contagiati dall’inizio dell’epidemia. I morti attribuiti al Covid-19 da marzo a oggi sono il 6,21% di tutti quelli che hanno contratto il virus ma, al momento, la percentuale di decessi, da quando è iniziata la seconda ondata, è limitata al 2,06% (contro il 21,39% della prima fase), segno che abbiamo finalmente capito come affrontare meglio questa malattia. Il calcolo è realizzato sulla base di una popolazione residente al 31 dicembre 2019 di 19.683 persone, così come indicato dall’ISTAT.

© riproduzione riservata – Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese