Home Cronaca

L’Avcp avvia istruttoria sul centro sportivo

30 novembre 2011 – Lo avevano anticipato sia la Lega sia il Pd: l’Autorità per la Vigilanza sui Contratti Pubblici di Lavori, Servizi e Forniture (Avcp) ha aperto un’istruttoria sul caso del Centro Sportivo Davide Ancilotto. Tutto è nato da un esposto presentato dai consiglieri comunali del Pd e dall’indipendente Delmonte, che hanno così voluto chiedere un intervento esterno per cercare di fare chiarezza sulla correttezza dell’operazione che ha visto Facs affidare a Intese la gestione del centro. L’Avcp si è immediatamente attivata e ha fatto pervenire al Comune una lettera datata 22 novembre 2011 in cui si chiedono chiarimenti, e soprattutto documenti, che possano permettere una valutazione del caso.

In particolare, l’Avcp chiede di chiarire gli aspetti legati alla natura dell’affidamento, alla modalità di scelta del partner, al tipo di contratto stipulato tra Facs e Intese, alla durata dell’accordo, alle tariffe di utilizzo degli impianti, alla natura degli affidamenti legati agli ambiti sportivi, a quali società sportive utilizzino attualmente il centro, all’esistenza di eventuali contenziosi e ogni altra informazione rilevante. L’Autorità ha richiesto anche tutti i documenti ufficiali che sono stati prodotti in merito dall’agosto del 2010 a oggi, tra cui anche il “contratto stipulato tra Fondazione e ‘partner’ società IN.TE.SE. Srl”, che – come sembra acclarato, salvo smentite – non è mai stato firmato.

Entro venti giorni dal ricevimento della lettera tutti i soggetti interessati possono presentare all’Autorità memorie e documenti utili oppure richiedere di essere sentiti direttamente. L’Avcp ha in totale novanta giorni di tempo a decorrere dalla data della disposizione di avvio dell’istruttoria per concluderla. Entro 30 giorni dalla data di ricezione della lettera il Comune ha l’obbligo di fornire un riscontro, pena l’avvio di un procedimento sanzionatorio e il deferimento al Consiglio dell’Autorità. La procedura si deve poi concludere complessivamente entro 180 giorni. Per leggere la lettera inviata dall’Avcp al Comune di Arese fai clic qui.

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese.