Home Cronaca

Proseguono i lavori di ricondizionamento strutturale del ponte di Mazzo di Rho

12 novembre 2020 – “Da oggi si lavorerà sia durante il giorno sia durante la notte”, fa sapere il Comune di Rho. I lavori di ricondizionamento strutturale e, quindi di messa in sicurezza, del ponte Buonarroti di Mazzo stanno procedendo dando priorità alle operazioni sulla campata posta al di sopra delle due linee ferroviarie. In notturna l’impresa opererà nelle fasce orarie indicate da Rete Ferroviaria Italiana (RFI), durante le quali sarà bloccato il transito dei treni.

Dopo la consegna, avvenuta il 13 ottobre, l’impresa vincitrice dell’appalto ha organizzato il cantiere ed eseguito tutti i lavori preparatori per la fase di demolizione, quella più complessa e delicata, che tecnicamente si chiama “svaro”, ossia la rimozione completa delle travi che costituiscono la campata centrale, che sarà poi sostituita con nuovi manufatti.

Le complessità dell’operazione riguardano innanzitutto la necessità di liberare le travi prima della loro rimozione con l’utilizzo di particolari attrezzature a taglio. Le dimensioni delle otto travi, della lunghezza ciascuna di circa 30 metri e diverse tonnellate di peso, richiederanno l’utilizzo di mezzi di sollevamento di notevole capacità e potenza. L’arco temporale ristretto in cui dovranno essere eseguite le operazioni (solo nelle ore centrali della notte in cui non transitano treni) e la presenza di linee ferroviarie sotto al ponte, richiedono necessarie attenzioni per evitare la caduta di materiali che potrebbero compromettere la ripresa del transito. Al termine di ogni notte autorizzata, il personale dell’impresa in coordinamento con personale delle ferrovie verifica lo stato dei luoghi e autorizza la riapertura al transito solo dopo averne accertato lo stato di sicurezza.Questa settimana si procederà con gli aggiustamenti necessari per eseguire tutte le lavorazioni preliminari alla rimozione travi, settimana prossima ci sarà la rimozione delle stesse.

I lavori sono affidati ad aziende specializzate del settore: TMG Scavi di Berbenno di Valtellina (SO), con una trentennale esperienza nel nord Italia, in Raggruppamento Temporaneo d’Imprese (RTI) con C9 Costruzioni di Bolzano, che ha lavorato alla manutenzione di oltre 250 ponti in tutta Italia, e CMM Rizzi di Vezza d’Oglio (BS), che recentemente ha contribuito alla costruzione del Ponte Polcevera – nuovo Ponte Morandi di Genova –  occupandosi di montaggio e posa in opera delle parti metalliche del viadotto lato Levante.

© riproduzione riservata – Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese