Home Cronaca

Rho rinvia a novembre la rivoluzione dei bus

04 settembre 2014 – E’ stato rinviato a novembre l’avvio del nuovo servizio di trasporto pubblico locale della città di Rho (leggi qui la notizia originale), che prevede la modifica di alcuni percorsi, integrandosi con la rete del trasporto pubblico locale sovracomunale. Rimangono invariati le linee e gli orari invernali dello scorso anno scolastico e vengono confermati sia i prezzi di biglietti e abbonamento sia tutte le agevolazioni tariffarie già esistenti (per studenti, over 60 e disabili). Il Comune di Rho comunica anche che le linee bus del servizio di Rho saranno comunque, già dall’8 settembre, maggiormente integrate in termini di tariffe con il sistema Sitam del trasporto sovracomunale: in particolare gli abbonati Sitam con titolo valido per l’area di Rho potranno utilizzare il trasporto pubblico di Rho con il medesimo abbonamento (questa agevolazione non ha validità per i biglietti singoli).

Lo slittamento del nuovo servizio è dovuto, secondo il Comune che lo definisce comunque “sperimentale”, a una serie di concause: la necessità di nuove verifiche delle linee anche alla luce delle segnalazioni ricevute dai cittadini, la sistemazione e l’adeguamento delle nuove fermate che sono ancora in via di ultimazione e la presenza di cantieri stradali e lavori per l’ampliamento del teleriscaldamento.

Dall’annuncio del nuovo servizio del trasporto pubblico locale,” ha dichiarato l’assessore all’Ecologia, ambiente e mobilità Gianluigi Forloni, “abbiamo ricevuto diverse segnalazioni da parte dei cittadini, che abbiamo ritenuto utile recepire già in questa fase, in modo da offrire un servizio rispondente alle reali necessità delle persone. Abbiamo approfittato di alcuni ritardi di natura tecnica per la sistemazione delle nuove fermate e la presenza sul territorio di numerosi cantieri stradali, per adeguare le nuove linee. Abbiamo quindi deciso di rivalutare tutto il servizio per un avvio a novembre, mentre si attiva da subito l’integrazione con gli abbonamenti Sitam.”

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese.