Home Cronaca

Traffico: Seregni propone agli aresini lo Scudo

05 marzo 2013 – Uno scudo per tutelare Arese dal traffico. E’ questo il nome della nuova iniziativa con la quale Massimiliano Seregni si propone di raccogliere una collaborazione trasversale di politici e società civile per monitorare i provvedimenti che verranno messi in atto per la viabilità e per avanzare proposte alternative che possano avere il minore impatto sul traffico all’interno della città. “Ad Arese – spiega Seregni – occorrono proposte reali e realizzabili, in quanto se lamentarsi é facile, proporre qualcosa di attuabile é faticoso e difficile. Inoltre, occorre davvero valorizzare l’impegno di ciascuno per il bene comune. Quello che serve é dunque prestare attenzione ai provvedimenti ed è da qui che nasce la volontà di dare attuazione questo progetto, fondato unicamente sull’esigenza di condividere le informazioni per poter sviluppare una proposta di intervento sulla viabilità, in grado di raccogliere le osservazioni di tutti coloro, indipendentemente dagli orientamenti politici di riferimento, che vorranno dare il proprio prezioso contributo”.

Un’iniziativa civica di collaborazione, dunque, dove chiunque potrà proporre le misure che ritiene idonee a garantire una viabilità interna a misura di cittadino: “Chi vuole partecipare e costruire – prosegue Seregni – proponendo concretamente interventi e misure per contenere il traffico di attraversamento è il benvenuto e può farlo senza dover aderire a nulla: a nessuna lista civica, a nessun gruppo o associazione, nessuna adesione a qualcosa, ma solo contributi di idee e di proposte. Lo scudo è un progetto che nasce nell’ottica di favorire il libero studio e l’apporto di modifiche da parte di altri soggetti, permettendo di coordinare e lavorare allo stesso progetto a tutela di Arese e dei suoi cittadini. Quello che si propone, se i tempi lo renderanno possibile, è anche una forma di partecipazione dei cittadini che è sempre rimasta sulla carta e nella sfera delle buone intenzioni: il piano del traffico, le modifiche e gli interventi, compresa l’adozione delle misure di contenimento del traffico, dovranno infatti passare dalla preventiva consultazione dei cittadini”.

Massimiliano Seregni ha già predisposto un documento (clicca qui) all’interno del quale sono presenti un’analisi preliminare della situazione attuale e alcune prime proposte per evitare che il traffico generato dal centro commerciale o diretto alla statale Varesina sia convogliato all’interno di Arese. “Il mio auspicio – dice Seregni – è che questo studio preliminare possa essere utile e che pervengano commenti, critiche costruttive, analisi e ulteriori idee per completarlo e modificarlo anche profondamente. Mi auguro anche che al progetto partecipino numerosi cittadini, perché saranno loro che, in definitiva, dovranno convivere con gli interventi viabilistici e quindi è bene che siano loro ad assumere consapevolmente le relative decisioni”.

Secondo Seregni per gli aresini la possibilità di esprimersi su progetti come quelli relativi alla viabilità esiste già, ed è prevista dallo Statuto del Comune di Arese: “I cittadini – spiega Seregni – potranno esprimere il loro consenso o meno in relazione all’introduzione di tutti o parte di tali interventi. La consultazione, infatti, è prevista senza bisogno di alcuna modifica dall’articolo 55 dello Statuto Comunale, intitolato appunto La consultazione dei cittadini”.

Chi volesse collaborare a Uno scudo per tutelare Arese dal traffico lo potrà fare inserendo le proprie considerazioni e proposte sulla pagina Facebook del progetto (clicca qui), oppure nella sezione dedicata del sito www.maxseregni.it (clicca qui) o, infine, inviando una mail all’indirizzo [email protected]

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese