Home Cronaca

Viabilità: Comune pronto a valutare modifiche

13 marzo 2013 – Nel corso dell’ultimo mese, il piano di adeguamento del sistema viario del comune di Arese è stato spesso al centro di dibattiti e critiche. Secondo quanto messo a punto dal Centro Studi PIM in collaborazione con gli uffici tecnici comunali (leggi qui), gli assi viari Sempione-Gran Paradiso-Monte Resegone e Moro-Nuvolari verranno modificati in alcuni punti per allargare la carreggiata ed eliminare i semafori esistenti. La cosiddetta “messa in sicurezza” dovrebbe poi creare una barriera fisica tra le due carreggiate ed evitare così l’attraversamento dei pedoni, tranne che nelle zone previste (scarica qui la relazione del Centro Studi PIM e qui gli allegati cartografici). I documenti sono stati approvati il 25 febbraio scorso dal Collegio di Vigilanza dell’Accordo di Programma. Contro questa ipotesi si sono levate molte voci, ma il commissario prefettizio Anna Pavone ha voluto rispondere ufficialmente con un comunicato che nei giorni scorsi è stato pubblicato sul sito del Comune (scaricalo qui).

In sintesi, l’Accordo di Programma firmato lo scorso dicembre specifica che entro 60 giorni dovevano essere proposti gli interventi viabilistici sul territorio, i cui costi – per un ammontare massimo di 7,4 milioni di euro – verranno coperti da TEA Srl. In mancanza di una proposta, il comune di Arese avrebbe rischiato di perdere questo importante contributo.

Secondo il comunicato, ci sono comunque ancora spazi di analisi e miglioramento del piano. “Sarà anche possibile, nei limiti di spesa indicati nella proposta (7,4 milioni di euro),” si legge nel documento, “meglio definire il progetto al fine di migliorare la sicurezza, ridurre l’inquinamento (acustico ed atmosferico) e implementare la mobilità dolce, non escludendo anche la possibilità di eventuali diverse soluzioni che possano favorire la riduzione del traffico di attraversamento, senza per questo far venir meno il presupposto di garantire la realizzazione e la funzionalità degli assi viari in fase di studio e progettazione, in particolare da parte dell’Amministrazione Provinciale, nell’area vasta di riferimento.

Oltre a lasciare aperta la porta a eventuali modifiche, il commissario ha fatto anche un ulteriore passo nella direzione di maggiori approfondimenti. “Il Comune ha proposto al Collegio di dare formale mandato all’Amministrazione Provinciale,” si afferma nel comunicato, “affinché svolga nei prossimi mesi ulteriori approfondimenti circa la possibilità di acquisire un’unanime condivisione da parte dei territori e Comuni interessati a proposte di nuovi tracciati stradali esterni ai centri abitati, che si ritiene rappresentino la soluzione più efficace dal punto di vista del sistema viario sia di livello sovracomunale che di quello locale, con particolare riferimento alle risposte circa le tematiche della sicurezza e dell’inquinamento (acustico ed atmosferico).”

La proposta è stata approvata dal Collegio, che ha anche stabilito che il cronoprogramma di queste opere dovrà essere approvato entro il prossimo 30 settembre.

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese.