Home In evidenza

ANPI e PD promuovono raccolta firme per referendum contro propaganda nazi-fascista

12 febbraio 2021 – Con due distinte iniziative, il Partito Democratico di Arese e il circolo ANPI Michele Piva di Arese comunicano la loro adesione alla raccolta firme per la legge di iniziativa popolare contro la propaganda nazista e fascista, promossa dal sindaco del comune di Stazzema, città Medaglia d’Oro al Valor Civile per il massacro perpetrato a Sant’Anna di Stazzema dai nazifascisti nel mese di agosto del 1944. La proposta di legge di iniziativa popolare riguarda il divieto di produrre, propagandare, distribuire e di diffondere “i contenuti propri del partito fascista o del partito nazionalsocialista tedesco. La pena è altresì aumentata di un terzo se il fatto è commesso attraverso strumenti telematici o informatici”

“La nostra iscritta Michaela Piva – spiega Achille Vegetti, presidente circolo ANPI aresino – nipote del partigiano a cui è intestata la nostra sezione, ci ha dato la disponibilità, come consigliera comunale, a raccogliere le firme dei cittadini residenti nel comune di Arese. Sabato 20 febbraio, dalle ore 9,00 alle ore 12,00 raccoglieremo le prime firme presso il bar QuiArese TechCafè, di via Caduti 6. Invitiamo i cittadini che volessero sostenere questa iniziativa con la loro firma, di portare con sé la carta d’identità e una penna per adempiere alle direttive anticovid. Se la situazione pandemica lo permetterà, a inizio marzo organizzeremo, assieme ai tanti consiglieri comunali che hanno già dato la loro disponibilità, un banchetto al mercato del sabato mattina; altre iniziative verranno comunicate in seguito”.

Più articolate le date messe a disposizione dal PD per la raccolta firme, che si terrà nella sede del PD in via Caduti. Le firme, certificate da un consigliere comunale PD, saranno raccolte sabato 13 febbraio, domenica 21 febbraio, sabato 27 febbraio, domenica 7 marzo e sabato 13 marzo, sempre dalle ore 9,00 alle 12,00. I democratici ricordano che, nel rispetto delle norme anti-covid, sarà fatta entrare una persona per volta, munita di mascherina, dotata di penna propria e con un documento di identità. “Il negazionismo e i rigurgiti nazi-fascisti in progressivo aumento – commentano dal PD – richiedono l’introduzione di norme che colmino i vuoti normativi delle leggi Scelba e Mancino, oggi. insufficienti per la propaganda a mezzo social, e propongono misure specifiche anche contro gli sfregi alla memoria storica che avvengono ormai anche in luoghi istituzionali tra coloro che dovrebbero rappresentare le istituzioni stesse. Nello spirito unitario di chi lottò per la liberazione dal nazifascismo, delle madri e dei padri fondatori della Repubblica, insieme ai consiglieri comunali di altri gruppi, il PD di Arese sarà presente anche alle iniziative proposte da ANPI”.

L’ANPI ricorda infine che “per chi volesse invece firmare in Comune è possibile farlo presso l’ufficio anagrafe previo appuntamento, telefonando tutte le mattine dalle 8,30 alle 12,00 tranne il martedì, oppure pomeriggio dalle 16,00 alle 18,15, ai numeri 02-93527300 e 02-93527303; il sabato l’Ufficio Anagrafe rimane aperto dalle 8,30 alle 11,30. La raccolta firme terminerà il 31 marzo ma per ottemperare agli obblighi di legge dovremo limitare la raccolta firme verso metà mese”.

© riproduzione riservata – Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese