Home Politica

Aresefuturo e la sua ricetta per il Csda

21 febbraio 2012 – Uno dei temi caldi della prossima campagna elettorale sarà sicuramente il Centro Sportivo Davide Ancilotto e proprio su questo argomento si è già registrato qualche giorno fa il primo intervento del candidato del centrosinistra Giuseppe Augurusa (leggi qui) al quale fa seguito quello di Aresefuturo che, pur concordando su molti aspetti con Augurusa, traccia anche qualche distinguo: “Consideriamo il percorso indicato dalla sinistra e articolato in cinque punti- dicono da Aresefuturo – assolutamente di buon senso: alcuni aspetti sono completamente condivisibili quali la certificazione dei debiti, l’assegnazione degli ambiti tramite bando pubblico, la risoluzione del rapporto con Intese e qualche investimento per manutenzione degli impianti”. Il punto sul quale non concorda la lista civica di Ravelli è però quello inerente la richiesta della nomina di un commissario per Facs.

“Nutriamo qualche dubbio sulla proposta di commissariamento di Facs perché, a nostro parere, l’azione di un commissario spesso è interlocutoria e poco incisiva. Ravelli, nel discorso di presentazione della propria candidatura, ha sottolineato più volte la necessità per la prossima amministrazione comunale, qualunque essa sia, di condividere nella maniera più ampia possibile la gestione dei problemi fortemente sentiti dai nostri concittadini. Siamo consapevoli che ad Arese ci sono persone appartenenti anche ad aree politico-culturali diverse in grado di contribuire a risollevare le sorti della nostra struttura sportiva, e crediamo che il confronto tra proposte diverse possa mettere in moto quel virtuoso processo di condivisione della cosa pubblica che molti aresini, e noi tra questi, auspichiamo”.

Ed è su questi presupposti che Aresefuturo lancia alle altre forze politiche la proposta di aprire un tavolo pubblico, anche subito, senza attendere le elezioni comunali, tramite il quale si possano gettare le basi per un percorso condiviso. La chiusura dell’intervento di Aresefuturo è dedicata a Intese: “Abbiamo letto l’intervista rilasciata dal procuratore di Intese a un settimanale locale e non concordiamo con lui circa il fatto che gli aresini siano soddisfatti per quanto è stato fatto nel centro sportivo. Non siamo così presuntuosi da affermare di avere in tasca la soluzione migliore per il Csda ma siamo certi che tutte le associazioni, politiche e non, interessate alle vicende del centro sportivo, pur proponendo proprie ricette, su un solo punto convergono senza distinzioni e cioè che Intese deve lasciare il centro sportivo”.

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese.