Home Politica

Da Sel un nuovo appello all’unità a sinistra

02 febbraio 2012 – Non ci sono ancora novità circa la costituzione o meno di una lista unitaria della sinistra, in appoggio al candidato di Pd e Idv Giuseppe Augurusa, per le prossime elezioni. Quello che è certo è che il segretario cittadino di Sel Achille Vegetti (a destra nella foto) crede molto in questo progetto e ci sta lavorando intensamente. Anche se, almeno per il momento, non sembra raccogliere un eccessivo entusiasmo da parte degli altri partiti deputati a entrare nella lista unitaria: “Le prossime elezioni amministrative – dice Vegetti – hanno un carattere di eccezionalità; non arrivano per scadenza naturale della legislatura ma sono state causate dalle ben note vicende giudiziarie che hanno coinvolto il sindaco. A causa di questo il rapporto tra cittadini aresini e l’istituzione comunale, la politica in generale, rischia di scendere a livelli pericolosi. In questi giorni si stanno formando e vengono annunciate liste civiche che, sull’onda di situazioni critiche scaturite dall’incapacità della giunta uscente di affrontare, gestire e risolvere i problemi di Arese attraverso scelte condivise dalla cittadinanza, rischiano di mettere a dura prova la rappresentatività e la capacità di mediazione dei partiti. In una situazione così frastagliata e con un clima di sfiducia nei confronti delle istituzioni, Sel ritiene che, partendo dai problemi locali, la sinistra di governo debba cercare di superare le proprie divisioni e farsi classe dirigente della realtà locale”.

Ed è proprio sulla base di queste considerazioni che Sel lancia l’ennesimo richiamo agli altri partiti di sinistra, in particolare socialisti e Federazione della Sinistra: “Come Sinistra Ecologia Libertà – dice Vegetti – intendiamo mettere a disposizione la nostra esperienza, la nostra capacità e il nostro entusiasmo affinché ad Arese si ricerchino percorsi condivisi per offrire alla città una nuova sinistra di governo che contribuisca alla vittoria del centro sinistra nonché all’elezione di persone oneste, capaci e competenti che rappresentino anche ad Arese i ceti medi e popolari, sapendone interpretare i bisogni e offrire risposte alle loro aspettative. Ecco perché proponiamo alle altre forze politiche di sinistra, presenti ad Arese, di interpretare un percorso di confronto partendo subito dalla verifica e dalla discussione per la condivisione del programma amministrativo cardine di un alleanza forte, coesa e seria. Sinistra Ecologia Libertà, chiede alle altre forze di centro sinistra di continuare con il clima collaborativo, propositivo e positivo che si è instaurato fino ad oggi, perché Arese merita una classe politica molto diversa da quella che ha, a nostro malgrado, amministrato il nostro comune fino ad ora”. Il percorso di Sinistra Ecologia e Libertà è quindi tracciato e resta da vedere se l’ennesimo appello all’unita lanciato dal segretario di Sel riuscirà a smuovere le altre forze di sinistra o se queste preferiranno rimanere vincolate ai loro distinguo.