Home Politica

Forum: “Ecco perché alle elezioni ci saremo”

27 febbraio 2012 – “Abbiamo pensato di presentare la nostra lista all’aperto per sottolineare il fatto che siamo aperti alla città”. Sceglie queste parole Barbara Scifo, la portavoce di Un Forum per la Città, per introdurre la conferenza stampa nella quale l’associazione ufficializza la presenza di una sua lista alle elezioni amministrative dei prossimi 6 e 7 maggio (la data è ora ufficiale) in appoggio al candidato del centrosinistra Giuseppe Augurusa. “La decisione di scendere in campo – prosegue la Scifo – è stata l’esito di un processo di condivisione iniziato quando si è saputo che si sarebbe andati alle elezioni. La neutralità sarebbe stata una scelta poco coerente con il nostro percorso di reazione a quella che reputiamo una cattiva amministrazione della città e dal quale è nato il Forum”. La scelta di appoggiare Augurusa è stata quella più naturale, visto che il candidato del centrosinistra era stato il promotore del Forum, ma non è stata questa l’unica ragione: “Augurusa – dice la Scifo – interpreta i nostri principi e valori che sono la disponibilità all’ascolto, l’onestà, la trasparenza e il volersi mettere al servizio del bene comune”.

Al di la delle dichiarazioni di principio, la Scifo sottolinea quello che a suo parere è il punto più qualificante del candidato del centrosinistra: “Crediamo che in questa fase delicata della vita amministrativa di Arese serva una persona che, come Augurusa, abbia competenza ed esperienza in materia. Siamo convinti che oggi l’improvvisazione non possa essere una virtù, e a quanto stiamo vedendo di improvvisazione in alcune liste che hanno annunciato la loro presenza ce n’è molta”. La Scifo e il Forum, pur essendo una lista civica, non rinnegano i partiti: “Le liste civiche sono fondamentali perché sono l’espressione della società civile ma altrettanto importanti sono i partiti perché sono strutturati per amministrare. Il nostro compito sarà quello di essere da stimolo perché si alzi il livello”. Michela Palestra, membro del comitato scientifico del Forum, anticipa alcuni dei punti che la lista civica porterà avanti a livello programmatico: “Già dal nostro primo incontro pubblico con i cittadini dello scorso settembre ci siamo resi conto dell’enorme interesse che suscitavano gli argomenti trattati e da qui siamo partiti per definire il nostro programma. Tra questi argomenti ci sono il verde pubblico, che contrariamente a quanto si pensa ad Arese è minimo, l’aspetto sociodemografico, e le scuole che, se è vero che sono di eccellenza, è anche vero che hanno numerosi problemi”.

Gabriele Allegro, l’addetto stampa del Forum, spiega che la lista civica non redigerà il classico programma calderone: “Non è nostra intenzione redigere un documento onnicomprensivo quanto piuttosto sviluppare alcuni aspetti concreti e di interesse immediato per i cittadini che cercheremo poi di portare nel programma della coalizione”. Contestualmente alla lista civica, il Forum sta terminando in questi giorni le pratiche per costituirsi formalmente in associazione. E la Scifo non crede che la scelta di appoggiare il centrosinistra alle prossime elezioni possa allontanare dall’associazione una parte delle persone che vi gravitano intorno: “La decisione di diventare un’associazione è precedente a quella di presentarci come lista civica ma il percorso dettato dai fatti di cronaca è stato condiviso nel corso di diversi incontri con tutti i potenziali futuri associati, che oggi sono circa 140. Oltre a ciò, la lista civica non è l’associazione ma dall’associazione attinge in termini di persone e idee e quindi il rischio che la scelta di schierarci possa allontanare qualcuno non è per nulla concreto”.

All’incontro era presente anche Augurusa, che offre la sua lettura della candidatura del Forum: “Non si tratta di una lista civetta, come spesso accade alle elezioni amministrative con le liste civiche e come sta accadendo in queste settimane anche ad Arese. Quella del Forum non è una lista improvvisata ma è la finalizzazione di un lavoro iniziato, sulla spinta della società civile, più di un anno fa. A differenza di quanto succede con altri, l’approccio del Forum non è distruttivo e antipolitico ma vuole essere la dimostrazione che, almeno a livello locale, si può fare politica in maniera costruttiva partendo dalle esigenze dei cittadini. Sono convinto che il Forum contribuirà in maniera determinante alla costruzione del nostro programma elettorale che, anche se non sarà facile, sarà l’espressione di tutta la coalizione che sosterrà la mia candidatura”. E dal Forum è quasi certo che uscirà anche qualche assessore, come fa intendere Augurusa: “Non c’è alcun dubbio sul fatto che all’interno del Forum ci siamo delle valide risorse per il governo della città”.

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese.