Home Politica

Online i redditi dei consiglieri Pd

21 novembre 2011 – All’indomani delle elezioni amministrative del 2009 il gruppo consiliare del Pd aveva presentato una proposta di delibera per l’istituzione dell’anagrafe degli eletti, uno strumento già adottato da diverse amministrazioni comunali che prevede la messa in rete di alcuni dati degli eletti e dei nominati, nell’ottica di tutelare correttezza, trasparenza amministrativa e assenza di conflitti d’interesse negli atti e nei comportamenti dei singoli amministratori. La maggioranza in consiglio comunale, all’epoca, aveva solo parzialmente accolto la delibera, stralciando da essa la pubblicazione della dichiarazione dei redditi e del certificato dei carichi pendenti. I consiglieri dei democratici avevano quindi, già lo scorso anno, deciso di pubblicare unilateralmente i dati relativi alla dichiarazione dei redditi del 2009, invitando tutti gli altri soggetti politici a fare lo stesso ma senza raccogliere adesioni all’invito. Sulla scorta di quanto fatto lo scorso anno, i consiglieri comunali del Pd hanno reso noti in questi giorni i loro redditi 2010.

Il maggior contribuente risulta essere il neoconsigliere Armando Calaminici, di professione pensionato, che ha dichiarato un reddito imponibile lordo di 70.061 euro (0 euro i compensi percepiti dal Comune di Arese). Calaminici è seguito da Eleonora Gonnella, quadro aziendale, che ha dichiarato 58.830 euro, 289,90 dei quali provenienti dal Comune. Enrico Ioli, architetto, dichiara 56.664 euro (314,00 dal Comune), Giancarlo Giudici, professore associato al Politecnico di Milano, 53.661 euro (265,65 dal Comune), Samuele Secci, ingegnere, 26.953 euro (come Calaminici, che gli è subentrato, non era consigliere nel 2010 e quindi non ha redditi provenienti dal Comune) e Paola Toniolo, consulente editoriale part-time 9.909 euro (290,00 dal Comune).