Home Politica

“Su di noi dette molte falsità strumentali”

02 maggio 2013 – Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di Giuseppe Bettinardi, candidato sindaco delle liste Arese al Centro e Arese la Città che Vogliamo.

Il 26 e 27 maggio saremo tutti chiamati alle urne per l’elezione del Sindaco ed il rinnovo del Consiglio Comunale. Scegliere i nuovi amministratori che garantiranno il governo del Comune, non è cosa banale né scontata. Le vostre decisioni andranno ad incidere in modo determinante sul futuro e sullo sviluppo della nostra città, coinvolta sui tavoli dell’Expo e dell’Adp ex Alfa Romeo. Quello che stiamo vivendo è un momento molto delicato, il rapporto tra cittadini e politica ha raggiunto tali livelli di disaffezione e diffidenza da rendere sospetti anche i gesti più genuini. E infastidisce leggere sui media e sulla rete il continuo racconto di falsità, una costante comunicazione che altera i fatti realmente accaduti, con il solo scopo di alimentare l’odio verso l’avversario in particolare verso di noi. Cari e soliti “delatori” nelle nostre liste non c’è nessun “indagato”, nessun “arrestato”, nelle nostre file nessun “giuda”, nelle nostre file nessun doppio fine.

Ciò che si dice è coerente con le cose che si possono fare, nessuno di noi promette o sostiene proposte al solo scopo di ottenere consenso elettorale, spesso diciamo cose impopolari ma indispensabili e doverose. Abbiamo commesso sicuramente errori durante le passate esperienze, sarebbe presuntuoso sostenere il contrario ma siamo consapevoli della forza delle nostre idee. Dopo il 2009 ricordo che la guida dell’amministrazione era in mano ad altri, eppure oggi si continua in quell’assurdo tentativo di addossare la colpa sempre alle stesse persone e non a chi ha realmente provocato il danno. Con rammarico, abbiamo ammainato la bandiera di tante battaglie ma dalle ceneri è rinata una nuova primavera di proposta per la nostra Città, dove ben 28 candidati su 32, sono cittadini animati da grande volontà propositiva e grande professionalità, donne, uomini e giovani che hanno deciso di costituire due liste civiche espressione di “esperienza, passione e innovazione” . La maggior parte di loro non ha esperienza amministrativa o politica ma hanno deciso di condividere e coinvolgere in questa progetto alcune persone di esperienza in quella che si ritiene una proposta di garanzia e di stabilità di governo, per una azione concreta e di sviluppo. Siamo tutti disponibili e motivati senza retorica ad amministrare Arese, con spirito innovativo e disposti all’ascolto di ogni persona, dove la giunta sarà espressione interna alla lista, dove il Sindaco sarà a tempo pieno, vicino ai cittadini e per le vie aresine, a stretto contatto con i problemi quotidiani.

Questa è la mia città dove sono nato e cresciuto, ho accettato di candidarmi a Sindaco perché credo che questa città meriti molto di più di quanto ha avuto negli ultimi anni. Vorrei ridare dignità a quel ruolo primario che Arese si merita, voglio rilanciare la sua vocazione culturale, coinvolgendo l’importante presenza di volontariato e di associazioni, voglio creare nuove condizioni di lavoro e ridare una nuova fisionomia alla vita produttiva di questa città. Voglio una città dove nessun cittadino possa ritrovarsi privo d’aiuto e sostegno per vivere una vita decorosa. Voglio che i giovani possano riconoscersi in una comunità che li sostiene e non mortifichi il loro talento e la loro energia, dove tutti si riconoscano in una comunità che include e non esclude. Tutto quanto dichiarato lo potete ritrovate sul nostro sito (clicca qui), oppure seguendo le nostre manifestazioni, dove incontrerete sia il candidato Sindaco che i candidati al Consiglio Comunale: l’8 maggio presso la biblioteca comunale alle ore 21 con la conferenza “La Città Metropolitana – Expo 2015, ruolo di Arese”; il 12 maggio un pomeriggio con le famiglie, gioco, divertimento garantito per i nostri figli, omaggi e degustazioni gratuite presso l’area mercato in via Monviso o partecipando, in data 15 maggio alle 21,00 all’auditorium Aldo Moro, allietati dallo swing della TnB Swing Band, alla presentazione di programma e candidati. Penso che sia necessario uscire dall’individualità e ritrovare il senso della collettività e che ogni problema sia affrontato da tutti quanti assieme. Per tutto questo vi invito a votare per Arese La Città Che Vogliamo e Arese al Centro, per rompere con il recente passato e guardare finalmente al futuro.

Giuseppe Bettinardi
Candidato Sindaco per Arese al Centro e Arese la Città che Vogliamo

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese.