Home Politica

Relazione Odv Gesem, esposto del Comune

22 maggio 2014 – Nel consiglio comunale di martedì sera si sono discusse anche le due interrogazioni, una di Arese al Centro (leggi qui) e una del Movimento 5 Stelle (leggi qui), sulla relazione dell’Organismo di Vigilanza (Odv) di Gesem in merito alla vicenda della dipendente Smg, società controllata al 75 per cento da Gesem, licenziata per giusta causa a inizio 2014. Le risposte date dall’amministrazione alle due interrogazioni sono molto simili, ed è possibile leggere quella fornita ai pentastellati sul sito del M5S (clicca qui). Risposte che non hanno però soddisfatto né Arese al Centro (leggi qui) né il Movimento 5 Stelle, con Antimiani che in aula replicava che la giunta non aveva risposto alla domanda su chi fosse il “politico di maggioranza” del quale parla il verbale dell’Odv e quale è il testo del messaggio che questo avrebbe inviato al direttore generale di Gesem Bartolomeo Zoccoli.

Al di la delle risposte alle interrogazioni, l’amministrazione ha però comunicato in aula un’interessante iniziativa da lei attuata riguardo alla vicenda: “In merito a quanto accaduto – ha annunciato il sindaco Michela Palestra – abbiamo ricevuto, oltre alla relazione dell’Odv, anche una copiosa documentazione. Il nostro compito non è quello di approfondirla ma piuttosto quello si segnalarla. Abbiamo quindi presentato un esposto in Procura, che dovrà fare luce su quanto successo. Ne diamo notizia solo ora perché tenuti al rispetto del segreto istruttorio”. Alla dichiarazione di Palestra è seguita una precisazione dell’assessore Giuseppe Augurusa, che a sua volta ha sottolineato la valenza dell’esposto presentato dall’amministrazione: “Voglio precisare – ha puntualizzato Augurusa – che nella relazione dell’Odv non si parla di esponente politico della maggioranza. La scelta di comunicare in Procura quanto accaduto parla poi da sola: questa amministrazione chiede che si faccia luce sulla vicenda, mi sembra chiaro. Di fronte a ipotesi di reato le chiacchiere stanno a zero e, come abbiamo fatto noi, anche tutti i consiglieri comunali hanno la facoltà di rivolgersi alla Procura”.

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese