Home Scuola

Scuola: lo stage linguistico punta sul Business English

17 aprile 2018 – Dal 18 al 25 marzo gli studenti delle classi quarte del Liceo Scientifico “Bertrand Russell” hanno vissuto lo stage linguistico che, quest’anno, si è svolto a Dublino, Irlanda. Ad accogliere gli studenti è, subito, l’anima celtica delle Terre di San Patrizio: gli antichi cimiteri, Hill of Tara e Monasterboice sono esempio dell’antica cultura gaelica il cui spirito è ancora vivo nel folklore e nel sentire popolare.

Dublino è anche una città di immensa cultura: ne è emblema il Trinity College, tradizionale struttura educativa di altissimo livello in cui è custodito anche il celeberrimo Book of Kells, antico libro medievale miniato riportante i Quattro Vangeli. Essendo studenti, è fondamentale la scuola: il Centre of English Studies (CES) ospita gli studenti del Russell: filo conduttore delle lezioni è il cosiddetto “Business English”, vale a dire l’inglese utile per il mondo del lavoro; in questa sede l’intento non è acquisire le regole della grammatica o approfondire la letteratura, ma fare proprie le capacità di stendere un curriculum o di presentarsi ad un meeting di lavoro, con le varie modalità per rompere il ghiaccio in una conversazione, di negoziare e di presentare le proprie idee in modo convincente, chiaro ed efficace.

Dopo lo studio c’è però anche stata la possibilità di entrare nella cultura irlandese, con la visita alla fabbrica della birra Guinness, dove sono stati illustrati i procedimenti di produzione e vendita della famosa bevanda. Alla sera, con le famiglie che ospitano, vengono condivisi momenti di vita quotidiana come i pasti o il guardare la televisione: anche questa è un’importante occasione per sviluppare le capacità di conversare.

Lo stage linguistico è, quindi,  l’occasione di imparare l’inglese in maniera diversa dalla classica lezione curricolare, aumentando la fluenza nel conversare, scoprendo la cultura dei paesi anglofoni e arricchendo il proprio bagaglio culturale.

Servizio di Alice Camiletti e Luca Farina

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese