Home Sport

Podismo Gso: reportage da Barcellona!

21 marzo 2013 – Ben sette atleti del Gso hanno partecipato, la scorsa settimana, alla Maratò de Barcelona 2013, la classica corsa che si tiene nella città catalana e che quest’anno è giunta alla sua trentaquattresima edizione. Ecco di seguito il racconto che ne fa uno dei partecipanti, il responsabile della sezione Podismo del Gso Maurizio Amicabile.

Emozioni!… e si, è proprio questo il segreto della maratona che riesce sempre a sorprendere chi decide di affrontarla per la quindicesima volta, come il sottoscritto, o per la prima volta, o per migliorare il proprio tempo o, “semplicemente”, per correrla. Sentire l’adrenalina che ti fa sobbalzare, commuoversi nel vedere scene di reale condivisione della fatica, scorgere cartelli che cercano di spronarti, vedere maratoneti che arrivano, mano nella mano, con i propri figli che li affiancano negli ultimi fatidici metri, si, questo ti ripaga di tutti gli sforzi e sacrifici. Partecipare a una maratona internazionale ti fa capire come non mai che siamo tutti uguali, non ci sono nazioni di serie A o di serie B e la crisi è quella del “muro”, una crisi fisica, la stessa uguale per tutti. E’ bello vedere come ogni maratoneta sia fiero della propria patria e come, con bandiere, stemmi, o semplicemente colori sul viso, lo mostri con fierezza ed orgoglio.

Queste sono solo alcune delle emozioni provate durante la prima ufficiale maratona all’estero della sezione podismo del Gso. Grazie alla tenacia e alla capacità organizzativa di Roberto Frigerio, ben sette atleti erano presenti nella chilometrica fila di partenza di questa straordinaria manifestazione. Una due giorni per rafforzare lo spirito di squadra e divertirsi nel correre per 42 km e 195 metri tra le bellezze di un’accattivante Barcellona. Ottima organizzazione, percorso affascinante, migliaia di persone lungo il percorso capaci, appunto, di creare emozioni. Tempo favorevole nonostante una pioggia che non ha comunque precluso il buon esito della manifestazione.

Esordio assoluto su questa distanza per Roberto Luppi (4:26:56), bravo e benvenuto nel Marathon team! Personal best time per Fabio Caputo (3:53:05). Ottime prestazione di Enrico Raimondi che, pur facendola “in scarico”, ha dato la paga a tutti (3:32:59) e del solito Franco Magnati, che ha chiuso in 3:36:23 a soli quindici giorni dall’ottimo tempo di 3:21:45 che ha fatto registrare alla maratona di Piacenza lo scorso 3 marzo. Francuzzo, sei un grande! Bravissimi i nostri veterani, Roberto Frigerio (4:27:12) e lo zio, Cesare Luppi (4:37:08) che hanno concluso l’ennesima fatica contro ogni ostacolo, ginocchia comprese: ottimo esempio e riferimento per tutti. Per quanto mi riguarda, dopo ben due anni di astinenza, ho chiuso meglio di quanto potessi sperare (3:43:13). Doveroso citare Michele Costa, amico di vecchia data del buon Roberto, che ha partecipato alla spedizione in terra catalana insieme al nostro gruppo condividendo questa bella avventura e che, tra l’altro, ha fatto registrare un fantastico 3:06:27. Un grazie particolare anche ai “no runner”, Mattia, Fabio, Giulia, Adele, Leonardo e Andrea, che si sono uniti alla trasferta supportandoci e condividendo con noi gioie e fatica! In conclusione, bravi tutti, bella esperienza da ripetere e…  alè GSO!

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese